giovedì 28 maggio 2009

|film| aspettando il sole (ago panini, 2008, italia)



hotel bellevue, 1982, da 'qualche parte' in italia. strani amanti, un uomo violento distrutto dall'amore e un altro ossessionato dall'ordine, un portiere di notte, due giovani irrequieti, una coppia di ladri e due attori porno accompagnati da regista e macchinista. le loro vicende s'intrecciano nelle stanze di un albergo in questa commedia noir, opera prima di ago panini, che negli anni precedenti ha già realizzato importanti videoclip.

all'una e mezzo di notte accadrà qualcosa d'irreparabile per tutti loro. un epilogo che per intensità non è pari al racconto. complessivamente, comunque, è un film da vedere. e panini un regista da seguire (e non dimenticare).

le vicende si compiono parallele. e i colori e la fotografia e le prove di recitazione (a partire da giuseppe cederna) non fanno che rafforzare il ruolo -e il talento- di ago. questo film non si può certo definire un capolavoro. nonostante questo, aspettando il sole dimostra come il cinema italiano sia capace di proporre anche nuovi e abili registi. penso a gente come panini, appunto, che dimostra di conoscere la cinematografia d'autore e di aver saputo sviluppare un proprio stile. inedito, attento, e, perché no, innovativo.

insomma, mi consola pensare che oggi, in italia, non ci siano solo i cinepanettoni.
segnalo inoltre il sito ufficiale, che fra le altre cose offre la possibilità di rimontare scene del film nella pagina 're-movie'. interessante.

voto: 6,5

2 commenti:

  1. Grazie delle belle e veritiere parole. E' un percorso difficile, quello del cinema, in Italia, oggi.

    Ago

    RispondiElimina
  2. caro ago, definire un'opera 'opera prima' è un atto di coraggio. riuscire a sdoganarla nel circuito della grande distribuzione, be', è un'azione sorprendente che sa di miracoloso. soprattutto se il film non è quello che il pubblico di massa è abituato a vedere.

    ma educare al bello, al nuovo, all'immagine, è un compito che spetta prima di tutto a chi l'arte la fa.

    quindi, caro ago, spero sia possibile godere presto della tua opera 'seconda'. ;)

    RispondiElimina